Sugli Zingari

articoli, libri e film sulle tracce dei rom ai margini delle città

6 Dec, 2011
in Rassegna stampa | scritto da Filippo DB

Vaticano: Migrantes (Cei) sui rom “Ritardo su legge per tutelare minoranza”

CITTÀ DEL VATICANO, 6 dic. – Lo Stato italiano è in ritardo sull’adozione di una legge che tuteli la minoranza rom e sinti, secondo mons. Giancarlo Perego, direttore generale di Migrantes, fondazione della Cei.

Il prelato è intervenuto alla sede della ‘Radio vaticana’ alla presentazione dell`audiolibro ‘Non mi vedrete morire’, realizzato dalla Caritas Italiana, dalla Migrantes e dal Centro Europeo Risorse Umane sulla figura del beato Zefirino J. Malla, il primo beato gitano della storia della Chiesa. Un’opera, ha spiegato, che permette di conoscere meglio la cultura rom. “La costruzione di una `strategia nazionalè, a cui la Commissione Diritti umani del Consiglio d’Europa ha invitato l`Italia a guardare – ha detto mons. Perego – non può prendere avvio solo dalle `patologiè attuali di un popolo, ma anche dal riconoscimento della storia della lingua, della cultura, della religiosità di un popolo che, oggi particolarmente, fatica a recuperare la sua identità”. Dopo che, nel 1999, la legge sulle minoranze linguistiche e territoriali presenti in Italia escluse i rom e i sinti, ha spiegato Perego, la Chiesa cattolica italiana ha fatto più volte appello alla promulgazione di una legge “che tuteli la stessa mobilità dei rom e dei sinti, sebbene ormai solo un venti per cento in Italia pratichi il nomadismo, ed, inoltre, la loro lingua, storia e cultura, premessa ad una migliore integrazione”. Dopo le critiche rivolte su questo tema all’Italia negli anni scorsi da Thomas Hammarberg, commissario dei diritti umani del Consiglio d`Europa, richiamata da mons. Perego, le associazioni cattoliche hanno preso parte, a giugno del 2010 al convegno internazionale ‘La condizione dei Rom e Sinti in Italia’ organizzato da Asgi (Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione), Università degli Studi di Milano-Bicocca e Commissione europea.

Il “volto e la storia” di Zefirino, in questo “momento europeo di recupero della diversità”, ha detto oggi direttore generale di Migrantes, sono “un invito a superare la lettura della vita e della storia del popolo rom dentro stereotipi che alimentano pregiudizi e discriminazioni”. Mons. Perego si è augurato che questo audiolibro, in mano soprattutto ai giovani, agli educatori, agli insegnanti, “dentro le nostre comunità e scuole, possa costituire uno strumento utile per favorire incontro, conoscenza e valorizzazione della storia, della religiosità, della cultura rom, perché nessuno si senta escluso nella Chiesa e nella società e soprattutto le minoranze e i più poveri rimangano al centro della nostra attenzione e cura pastorale”.

da la Politica Italiana, 06/12/2011

Tags: , ,

Scrivi un commento