Sugli Zingari

articoli, libri e film sulle tracce dei rom ai margini delle città

22 May, 2017
in Rassegna stampa | scritto da Germano Baldazzi

Rom, con una casa un futuro diverso è possibile

In Corriere Sociale

di Stefano Pasta

19 maggio 2017

MILANO – «È finito il tempo dei topi, delle tende e delle baracche. Da febbraio abitiamo in appartamento, è iniziata una nuova vita per noi e i nostri due figli». Così spiega Ramona, 28 anni, a Milano dal 2008. «Chiedevo l’elemosina mentre mio marito lavorava in nero nei cantieri. I miei
nipoti erano stati iscritti a scuola da un amico di Sant’Egidio. Anch’io gli chiesi di mandare mio figlio Fabrizio all’asilo». Nei primi anni a Milano la sua famiglia è stata sgomberata anche dodici volte. «Quando i bambini vedevano i vigili avvicinarsi – racconta – si facevano la pipì addosso».

Da allora molte cose sono cambiate. A settembre Fabrizio inizierà la prima media, Ramona lavora pulendo tre case. Ma soprattutto ormai vive con i suoi in una casa vera.

PER COMPLETARE LA LETTURA, COLLEGARSI A: http://sociale.corriere.it/rom-con-una-casa-un-futuro-diverso-e-possibile/

Ti potrebbero interessare anche:

Cosa penso di Libia, migranti, ong e Ius soli. Parla Riccardi (Sant’Egidio)

Commento | Il rinvio dello ius soli è una sconfitta per i cattolici

 

 

Rom, con una casa un futuro è possibile

Scrivi un commento